Progetto Educativo e Approccio Pedagogico

L’Audiofonetica della Fondazione Bresciana per l’Educazione Mons. Giuseppe Cavalleri è una scuola pubblica paritaria a ispirazione cattolica che, riferendosi a principi come la centralità della persona umana, l’uguaglianza e la partecipazione di ciascuno ai processi formativi, promuove l’integrazione di tutti gli alunni nella comunità scolastica. Ha sede nel quartiere di Mompiano a Brescia e accoglie alunni dal Nido alla Secondaria di I grado, con particolare attenzione agli alunni sordi (o con altre disabilità), presenti in numero significativo nelle classi.

La Scuola considera l’inclusione un processo non esauribile e sempre rilanciabile, nella logica dell’accoglienza e delle pari opportunità educative e formative; sostiene i processi di apprendimento e di crescita di tutti gli alunni, indipendentemente dalle differenze di genere, dalle provenienze geografiche, dalle appartenenze culturali, linguistiche e sociali. Essa si propone di promuovere lo sviluppo integrale ed armonico della personalità degli alunni sia sordi sia udenti, mediante scelte educative che salvaguardino il bene di ciascuno attraverso la progettazione e l'attuazione di una articolata strategia educativo-didattica.

Con l’obiettivo di vivere “Tutti insieme naturalmente”, la Scuola adotta modalità organizzative, metodologiche e didattiche che tengono conto delle specificità – relazionali, comunicative e di apprendimento - di ciascun alunno, nella prospettiva della valorizzazione delle differenze. La Scuola, con i suoi insegnanti ed operatori, è un centro di riferimento per la formazione e la consulenza sul territorio, con particolare attenzione alla sordità e alla comunicazione multimodale.

 

L’approccio didattico-educativo

  • Personalizzazione della proposta didattica ed educativa
  • Didattica inclusiva attraverso laboratori integrati (musicale, cognitivistico-operazionale, tridimensionale)
  • Ricorso a diverse metodologie, strategie e tecnologie per sostenere gli apprendimenti
  • Comunicazione totale (lingua verbale, Lingua dei Segni, vari sistemi simbolici) con l’alunno e con la classe in percorsi educativi coerenti
  • Condivisione dei percorsi con le famiglie e rete tra specialisti interni ed esterni
  • Collaborazioni con Enti locali, Associazioni e realtà del territorio, Università
  • Costante crescita culturale e pedagogica del personale attraverso incontri di formazione, opportunità di ricerca e sperimentazione, anche con il supporto di una pedagogista ricercatrice dell’Università Cattolica di Brescia
  • Gruppo di lavoro per l’inclusione (GLI) che, in modo collegiale, definisce approcci, procedure e azioni di Istituto per favorire l’inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali, redige protocolli di accoglienza e il Piano Annuale per l’Inclusione come previsto dalla normativa scolastica sul tema.
  • Coinvolgimento, in diverse iniziative, delle famiglie come soggetti fondamentali ed attivi della comunità educante, con particolare attenzione a momenti chiave della vita scolastica.

 

L’organizzazione

  • Frequenza a tempo pieno dal lunedì al venerdì
  • Settimane residenziali dalla Scuola Primaria
  • Un Coordinatore per grado scolastico
  • Organico potenziato attraverso un sistema di compresenze
  • Personale docente corresponsabile ed esperto
  • Assistenti alla comunicazione udenti e sordi per gli alunni con disabilità uditiva 
  • Assistenti educatori
  • Esperti di laboratorio
  • Insegnanti di madrelingua inglese
  • Servizio trasporto articolato sul territorio della Provincia e zone limitrofe.

I servizi per gli alunni sordi e l’approccio pedagogico


Nella Scuola sono presenti tre logopediste e una logopedista/logogenista che realizzano interventi riabilitativi in orario scolastico e in raccordo con le attività didattiche. Un’audiologa e un’audiometrista forniscono consulenza medica e tecnica settimanalmente. Una psicologa monitora il percorso degli alunni, offre consulenza agli insegnanti e alle famiglie (anche in colloqui individuali su appuntamento). Una referente per l’inclusione coordina le azioni sull’inclusione e cura i rapporti Scuola-famiglia-Enti locali. Coordinamento e Direzione collaborano quotidianamente per garantire tutti i servizi e gli interventi necessari, nell’ottica della corresponsabilità e della realizzazione di un’organizzazione scolastica inclusiva. Un sistema di trasporti, in raccordo con gli Enti locali, consente di raggiungere alunni sul territorio della Provincia e zone limitrofe.

 

La Scuola è Ente accreditato con le ATS della Lombardia per i servizi di inclusione scolastica degli alunni con disabilità sensoriale uditiva.

 

La storia della Scuola Audiofonetica è caratterizzata da una prospettiva di tipo oralista all’educazione e alla riabilitazione dei bambini sordi. Oggi, dopo anni di sperimentazione alla ricerca delle più adeguate strategie per rispondere ai bisogni – sempre differenti – di ciascun bambino, la scuola adotta un approccio denominato “Comunicazione totale”, volto cioè a rispondere ai bisogni comunicativi di tutti e a mettere ciascuno nella condizione di esercitare le proprie capacità attraverso una varietà di codici scelti fra quelli che maggiormente si adattano alle possibilità del bambino, rinforzando la motivazione e il desiderio di stabilire efficaci interazioni comunicative. In questa prospettiva, compito della scuola non è soltanto garantire la presenza di attività specifiche rivolte all’acquisizione del linguaggio verbale, ma anche e soprattutto creare un ambiente comunicazionale in cui ogni momento diventi occasione e spunto alla relazione. Tra i codici della comunicazione totale sono contemplate - oltre al linguaggio verbale verso cui si tende per favorire le migliori opportunità inclusive anche fuori dal contesto scolastico - la Lingua dei Segni (con anche le varianti dell’Italiano Segnato e Italiano Segnato Esatto), varie forme di comunicazione visiva e non verbale, la Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA). La scelta dei percorsi educativi e didattici di ciascun bambino è sempre valutata e condivisa con la famiglia e tra tutti gli operatori, interni ed esterni, che cooperano per la realizzazione del miglior percorso possibile.